Rolleri, azienda leader negli utensili per presse piegratrici, usa Atoka

cover-rolleri-logo.jpg

Nel mondo del manifatturiero italiano in generale, e in quello della meccanica di precisione in particolare, Rolleri è un nome di prestigio. Una garanzia di assoluta qualità e affidabilità. Dal 1987 questa ditta di Vigolzone, paese alle porte di Piacenza, produce utensili standard e speciali per presse piegatrici.

Realtà a conduzione familiare com’è tipico di tanta Italia produttiva, negli anni la Rolleri si è trasformata in uno dei maggiori produttori italiani di utensili per presse piegatrici. Oggi è una vera e propria multinazionale tascabile con filiali sia in grandi economie avanzate come USA, Germania e Benelux, sia in paesi emergenti come Cina, India e Brasile.

Dalle matrici agli adattatori, dalle lame da cesoia ai punzoni, Rolleri è quarto capitalismo allo stato puro, capace di coniugare un saper fare artigianale, maturato in decenni di esperienza, con le più avanzate tecnologie e un gusto per il dettaglio e la customizzazione. L’azienda, che dà lavoro a 65 persone solo in Italia, da qualche mese ha iniziato ad usare Atoka, lo strumento di sales intelligence per aziende, startup e professionisti realizzato da SpazioDati

«Ci troviamo benissimo con Atoka, si tratta di un prodotto molto valido» dice Camilla Legatti del marketing Rolleri «Atoka ci aiuta sia ad aggiornare le anagrafiche dei nostri clienti, sia a trovare nuovi clienti potenziali». L’abbiamo intervistata per conoscere meglio Rolleri e il suo rapporto con Atoka.


Prima di tutto Camilla, ci dici qualcosa di te?

Certo. Sono di Piacenza e lavoro in quest’azienda da un anno e mezzo, dopo essermi laureata in marketing e comunicazione dei consumi. In Rolleri mi sto occupando principalmente del mercato italiano.

Puoi raccontare a chi ci legge cosa fa esattamente Rolleri?

I suoi prodotti sono, principalmente, utensili per presse piegatrici, cioè utensili che servono per piegare la lamiera. Al grande pubblico forse non è molto noto, ma quasi tutti gli oggetti in lamiera che vediamo devono essere piegati: ad esempio le scatole metalliche così come certi armadi sono realizzati grazie alla piegatura della lamiera, che è resa possibile proprio dagli utensili applicati alle presse piegatrici.

acciaio-rulleri

Quand’è nata l’azienda?

È un’azienda a conduzione a familiare. A fondarla è stata la famiglia Rolleri, che ha iniziato la produzione di utensili negli anni ’80. Tuttora è la famiglia Rolleri a guidare l’azienda, che nel corso degli anni ha avuto un fortissimo sviluppo, non solo a livello nazionale (all’inizio il mercato-obiettivo dell’azienda), ma a livello internazionale, con l’apertura di filiali in tutto il mondo.

Dov’è che esportate?

Dettaglio del taglio di una lamiera

I mercati principali sono Germania, Francia, Benelux, Europa dell’Est e Sudest asiatico. Siamo una PMI, con forti radici nel nostro territorio e nella nostra storia, ma con una visione da multinazionale.

Come mai conoscete Atoka e SpazioDati?

È stato il nostro direttore commerciale a suggerirci di provare a vedere di che cosa si trattasse. Abbiamo scoperto Atoka così, quasi per caso. Lo usiamo da inizio settembre, e devo dire che ci troviamo benissimo. Atoka permette innanzitutto di riqualificare l’anagrafica, ovverosia di ottenere indirizzi mail e altri dati di contatto costantemente aggiornati, perché capita spesso che qualche cliente cambi indirizzo, numero di telefono o magari email… Grazie ad Atoka abbiamo scoperto dei cambiamenti che non erano saltati all’occhio precedentemente.

Attraverso Atoka, poi, abbiamo potuto migliorare la ricerca di nuovi clienti potenziali, usando i vari filtri offerti dal programma per valutare le aziende potenzialmente interessate alle piegatura della lamiera.

Dunque usate Atoka più per il monitoraggio del mercato che per fare lead-generation?

In realtà entrambe le cose. Facendo una ricerca basata su una parola-chiave piuttosto che sul codice ATECO può capitare di imbattersi sia in aziende già presenti nella nostra anagrafica (consentendo così una riqualificazione di queste stesse aziende), sia in nuove aziende che non conoscevamo, e che sarebbe il caso di contattare… questo sviluppa maggiormente il bacino dei clienti potenziali.

Quali sono i punti di forza di Atoka secondo te?

Atoka è assolutamente facile e intuitivo nell’utilizzo. Permette di realizzare ricerche che non si basino solo sul codice ATECO, e questo è un suo grande punto di forza, dal momento che l’ATECO non corrisponde sempre perfettamente a quella che poi è l’attività dell’azienda. Inoltre è possibile fare ricerche inserendo delle parole-chiave, e in questo modo si ottengono dei risultati molto importanti. Ancora, un altro punto di forza di Atoka è che fornisce un vasto elenco di contatti di manager italiani.

Cosa bisognerebbe migliorare, a tuo parere?

Mi chiedo se sia possibile avere anche informazioni più dettagliate sul fatturato di un’azienda. Un monitoraggio che vada oltre la semplice segnalazione di un fatturato in crescita, e magari consenta di vedere l’andamento del settore nel suo complesso.

La redazioneRolleri, azienda leader negli utensili per presse piegratrici, usa Atoka
Share this post

Join the conversation

Related Posts