Qual è la semantica delle startup italiane? Qualche dato Atoka

business-idea-diagram-graph-40218-1.jpg

Le startup innovative italiane si avviano a quota diecimila (a oggi sono 9.610). E anche se la gran parte di esse ha ricavi inferiori ai centomila euro, e solo 145 hanno ricavi di almeno un milione di euro, è anche vero che le startup rappresentano uno dei segmenti più dinamici e interessanti dell’economia italiana. E un segnale di speranza per un paese che, in base alle graduatorie più autorevoli, continua a essere uno dei meno innovativi dell’Occidente.

 

Provincia italiana Numero di startup innovative
Milano 1.674
Roma 939
Napoli 336
Bologna 309
Torino 304
Padova 236
Salerno 181
Top7 delle province italiane con il maggior numero di startup innovative

Ma qual è il lessico di queste aziende? Quali sono le parole-chiave che più caratterizzano la loro attività? Grazie ad Atoka è possibile conoscere il lessico delle startup innovative italiane, attraverso l’analisi semantica di una grande quantità di sorgenti-dati associate alle startup, ad es. social media, siti internet e via discorrendo, sulla base di alcuni parametri di occorrenza predeterminati. Uno strumento prezioso per orientarsi meglio in un mondo complesso e in rapida evoluzione, dai contorni ancora poco delineati, come quello delle startup.

Tra le parole-chiave, spiccano “algoritmo” (che contraddistingue numerose startup attive nel settore informazione e comunicazione, Ateco J), e altri concetti dell’economia digitale come “intelligenza artificiale”, “software”, “apprendimento automatico”, “big data”, “app”, “social network”, “chatterbot”; termini molto più generici come “tecnologia” e “ricerca e sviluppo”; riferimenti a tecnologie cruciali anche per il nuovo manifatturiero (“Internet delle cose”), per l’industria dell’intrattenimento (ad es. “realtà aumentata”) e per il fintech (blockchain). Non mancano concetti legati al digital manufacturing (“stampante 3D”) e a fenomeni economici relativamente recenti come il crowdfunding e la sharing economy.

È evidente, già dalla semantica, la preponderanza di startup innovative orientate all’economia digitale. In effetti la distribuzione per codice Ateco lo conferma:

Codice Ateco Numero startup innovative
Servizi di informazione e comunicazione J 4.633
Attività professionali, scientifiche e tecniche M 2.114
Attività manifatturiere C 1.707
Commercio all’ingrosso e al dettaglio G 344
Noleggio, agenzie di viaggio, servizi supporto imprese N 178
ALTRO 634

 

Se ci si focalizza invece sui singoli macro-settori, la semantica cambia notevolmente. Per es. le startup innovative operanti nel macro-settore J sono caratterizzate, a livello semantico, anche da concetti non presenti nell’overview complessiva descritta sopra come “gamification”, “cloud computing”, “data mining”, “equity crowdfunding”.

Nel macro-settore M non mancano, invece, alle “biotecnologie” e a termini della biologia come “nutraceutica”, “reazione a catena della polimerasi”, “acidi nucleici”, “produzione additiva”, “macromolecole”, “ingegneria tissutale”, “marker”: del resto il biotech è – lo dimostrano vari report – uno dei settori della knowledge economy dove l’Italia è più vitale; ci si imbatte naturalmente anche in riferimenti ad altri mondi tecnologici come l’agritech (“acquoponica”, “agricoltura di precisione”), il nanotech (“nanomateriali” “nanoparticelle”), i “veicoli a pilotaggio remoto” (cioè i droni).

Interessante poi la semantica delle aziende del macro-settore C: “digital manufacturing” (un concetto che unisce tecnologie come gli “scanner 3D” e la “produzione additiva”), “Internet delle cose” (che è una condicio sine qua non per la cosiddetta Industria 4.0), “sensori”, “plug and play”, “prototipo”; si tratta di un lessico comunque innervato dalle ICT (“software”, “big data”), ricco di rinvii ai nuovi materiali (“grafene”) e a nuovi filoni molto promettenti come la distribuzione dell’energia (“smart grid”) e i wearables (“dispositivi indossabili”), e soprattutto alla dimensione della Intellectual Property: “brevetto”, “segreto industriale”.

La redazioneQual è la semantica delle startup italiane? Qualche dato Atoka
Share this post

Join the conversation

Related Posts