Come scoprire filiere produttive e nuovi segmenti di mercato con Atoka

cover-segmento-mercato.jpg

Nell’approfondimento sulle parole chiave, abbiamo risposto alla domanda “quali aziende in Italia stanno lavorando con il Semantic Web e sono delle software house?”, grazie alla potenza di due filtri di ricerca, che abbiamo combinato in maniera da trovare quello che cercavamo.

Avevamo selezionato:

  1. il filtro delle “Parole chiave”, impostando la ricerca di “Web semantico”;
  2. il filtro delle categorie ATECO, selezionando la categoria ATECO 62.01.

Grazie all’uso combinato di questi due filtri, siamo riusciti a ridurre i risultati che trovavamo a partire da una categoria ATECO generica come la 62.01, per individuare quel segmento di mercato che ci interessava.

Ma questi filtri possono essere usati in maniera inversa per scoprire di cosa si occupa un determinato segmento di mercato. Qualcosa quindi molto più vicino al concetto di Sales Intelligence, che ricordiamo è:

l’insieme di tutte quelle tecnologie, applicazioni e pratiche funzionali alla raccolta, all’integrazione, all’analisi e alla presentazione di informazioni allo scopo di aiutare gli addetti alle vendite di una ditta a tenersi aggiornati sui clienti, individuare potenziali nuovi clienti e, in generale, guidare il business

Applichiamo quindi questi due filtri su due differenti casi d’uso, che raccontiamo nel dettaglio, mostrando i singoli passaggi:

  1. Software house e startup innovative, di cosa si occupano davvero?
    partendo dalla categoria ATECO di SpazioDati, la 62.01, scopriamo di cosa si occupano nel dettaglio le software house, aggiungendo anche il filtro delle Startup innovative, per analizzare nel dettaglio quel tipo di mercato;
  2. Aree industriali e specializzazioni: di cosa si occupa la zona di Biella?
    combinando i filtri Parole chiave, codice ATECO e posizione geografica, proviamo a scoprire quello che ci dicono su filiere e sulle aree di specializzazione.

Software house e startup innovative: di cosa si occupano?

Questi sono i passaggi necessari a rispondere alla domanda: di cosa si occupano le software house?

  1. selezioniamo la categoria ATECO 62.01 all’interno del filtro “Settore ATECO”: si ottengono ben 26.904 aziende.
    filtro-ATECO-62-01

  2. come secondo passaggio, spostiamoci sul contenuto del filtro “Parole chiave”, dopo aver selezionato quel determinato settore ATECO: avremo una rappresentazione istantanea delle reali attività di quel segmento di mercato.
    Se il settore ATECO ci dice soltanto che sono delle software house, le parole chiave ci forniscono alcuni dettagli correlati.
    parole-chiave-con-selezione-ateco-62-01

    Ricordiamoci che selezionando categorie ATECO molto generiche è normale trovare parole chiave relative a concetti molto vaghi, assieme a parole chiave più dettagliate e specializzate.
    In questo caso, con la selezione della categoria ATECO 62.01, troviamo parole tradizionalmente associate al mondo delle software house a partire dai concetti di hardware e software, della gestione dei sistemi informativi, la gestione delle reti aziendali ecc…

Se aggiungiamo invece un ulteriore vincolo oltre al codice ATECO, si possono scoprire altri elementi interessanti.
Se il mondo delle software house in generale lavora con l’hardware, con le reti di computer e con la programmazione, cosa accade quando restringiamo i risultati cercando all’interno delle startup innovative?

Cosa stanno davvero facendo le startup con un codice ATECO identico a quello di SpazioDati? Scopriamolo, rispondendo alla seconda parte della domanda iniziale, partendo direttamente dal modo in cui queste aziende si raccontano online.

Se selezioniamo anche il filtro delle startup, oltre a quello del codice ATECO 62.01, ecco come cambia il filtro delle Parole chiave: (su un risultato di 1232 aziende)

parole-chiave-ateco-62-01-e-startup-innovative

Scopriamo quindi che le startup stanno lavorando effettivamente in alcuni settori ad alta innovazione tecnologica, come l’Internet delle cose (Internet of things – IoT), il mobile computing, la Realtà Aumentata, e ovviamente si occupano anche di Big Data, lo stesso ambito dove opera anche SpazioDati, che rientra in questo segmento quale startup innovativa.

Come emerge in pochi istanti dalle parole chiave di Atoka l’area industriale di Biella

Per il secondo esempio l’ipotesi di partenza è come scoprire le specializzazioni e le filiere presenti in determinate aree geografiche.

Partiamo dalla selezione della posizione geografica che ci interessa, e osserviamo cosa accade all’interno del filtro delle parole chiave. Quali temi e quali argomenti emergono?
Consideriamo l’area geografica della provincia di Biella.

  1. selezioniamo come prima cosa l’area geografica di Biella: all’interno del filtro “Posizione geografica”, inseriamo nella casella di testo posta alla base del filtro la parola “Biella”, selezionando la provincia. Le aziende trovate sono oltre 18.051;


    biella-solo-filtro-posizione-sede
  2. a questo punto, posizioniamoci all’interno del filtro “Parole chiave”, e analizziamo cosa contiene:

    parole-chiave-per-provincia-di-biella
    Scopriamo effettivamente vari elementi associati alle aziende presenti nella ricerca, assieme alla presenza di alcuni concetti molto generici. Alcune parole chiave sono fortemente correlate come, ad esempio:

    • Fibre tessili;
    • Filatura.

    Sembra ci sia una sorta di specializzazione nell’area di Biella, ma ce lo aspettavamo, visto che esiste un distretto industriale ben conosciuto. Approfondiamo ancora la ricerca osservando quali codici ATECO sono presenti per queste 18.000 aziende;

  3. All’interno del filtro “Settore ATECO” troviamo alcune aree tematiche principali, tra le quali spiccano l’edilizia, il commercio del mondo automotive, e la manifattura:
    filtro-ATECO-provincia-biella
  4. selezionando la categoria C, quella delle attività manifatturiere, riduciamo i risultati della ricerca a 2136 aziende, numero anticipato visibile anche alla destra di ogni voce;
  5. se torniamo nel filtro delle “Parole chiave”, osserviamo che effettivamente le aree di specializzazione raccontano una filiera produttiva ben specifica:
    parole-chiave-biella-ateco-c

Questo esempio è una verifica del buon funzionamento delle capacità di Intelligence di Atoka. Se possiamo individuare filiere di specializzazioni per aree dove sono presenti distretti industriali che già conosciamo, allo stesso modo possiamo scoprire delle specializzazioni e delle aree a fortissima competenza che ancora non sono conosciute, e che magari sono fondamentali per le nostre attività.
Nuovi partner, nuovi clienti e nuovi intermediari con cui dialogare.

Ma non solo: combinando questi filtri (ATECO, posizione geografica e parole chiave come forma di Intelligence sul mercato), assieme al filtro per cercare determinate parole all’interno del contenuto dei siti web aziendali, potremo trovare attori della filiera che non vengono selezionati con le categorie ATECO.

Questo sarà il tema del prossimo approfondimento: come usare al meglio delle sue possibilità la Sales Intelligence di Atoka, abbinando sempre più filtri di selezione e ricerca.

[immagine della cover tratta da Flickr, @9391282@N05]

La redazioneCome scoprire filiere produttive e nuovi segmenti di mercato con Atoka
Share this post

Join the conversation

Related Posts