nikita-kachanovsky-494828-unsplash-1.jpg

In Trentino, un ecosistema dell’innovazione sempre più europeo

Il Trentino, si sa, è uno degli ecosistemi dell’innovazione più interessanti d’Italia. Non a caso è stato soprannominato dai giornali internazionali “la Silicon Valley delle Alpi”. Merito della densità record di startup (inclusa quella che ha sviluppato Atoka, SpazioDati), di un’università e di centri di ricerca rinomati nel mondo, e di attori come HIT, acronimo che sta per Hub Innovazione Trentino. HIT è una società a scopo consortile che promuove e valorizza i risultati della ricerca e l’innovazione del sistema trentino.

La redazioneIn Trentino, un ecosistema dell’innovazione sempre più europeo
ivana-petrinjak-422692.jpg

Con Atoka posso promuovere meglio le destinazioni della Mitteleuropa

«Atoka? È un vero aiuto nel business». A dirlo è l’esperto di turismo Gorazd Skrt, fondatore della Lovely Trips e utilizzatore di Atoka. «La mia azienda è specializzata nel rappresentare regioni, destinazioni e prodotti turistici della Slovenia, dei Balcani e di tutta l’Europa centrale. Grazie a alla nostra rete di partner, che include hotel, spa e guide, siamo in grado di trovare le soluzioni migliori per gli operatori del turismo italiani interessati a organizzare viaggi ed eventi in Slovenia, Croazia, Boemia, Serbia, Macedonia, Montenegro, Austria…»

La redazioneCon Atoka posso promuovere meglio le destinazioni della Mitteleuropa
Map_uk_focus-1.jpg

Web e geomarketing intelligence: il caso degli ottici UK

In questo post vi parleremo di un progetto che ha permesso di indagare il mercato retail dell’occhialeria e ottica nel Regno Unito attraverso l’analisi approfondita dei siti web aziendali di settore, analisi guidata dall’esperienza in ambito geo-marketing di Value Lab e dalle potenti tecnologie web e semantiche di SpazioDati e Cerved. In particolare, siamo andati alla ricerca delle menzioni dei brand di occhiali all’interno dei siti web di negozi e catene di distribuzione di riferimento.

La redazioneWeb e geomarketing intelligence: il caso degli ottici UK
u-hopper-logo.jpg

Carreras, CEO di U-Hopper: con Atoka facciamo il salto al B2B

In Italia Trento, la “Silicon Valley delle Alpi”, ha la più alta densità di startup in relazione alla densità di società di capitale. E si tratta, spesso, di startup innovative per davvero, in grado di trasformare i risultati della ricerca in tecnologia e business concreti. Ne è un bell’esempio U-Hopper, startup nata nel 2010 e che oggi dà lavoro a otto persone fatturando mezzo milione di euro. «Siamo una realtà specializzata nell’analisi di grandi quantità di dati provenienti da una molteplicità di fonti, come social network o dispositivi mobile» ci spiega Iacopo Carreras, CEO di U-Hopper.

La redazioneCarreras, CEO di U-Hopper: con Atoka facciamo il salto al B2B
big-data-like-sex.jpg

Il Data Scientist è fondamentale per creare servizi come Atoka

Nel nuovo editoriale “IL DATA SCIENTIST, MESTIERE DI DOMANI (E DI OGGI)“ pubblicato su “Gli Stati Generali“, Michele ci parla del Data Scientist, una figura professionale essenziale per gestire tutto quel mondo di dati dietro l’economia dell’algoritmo citata qualche tempo fa.
Non è un caso che negli ultimi anni siano nati sempre più percorsi di formazione per rispondere a questa esigenza di competenze: dalla recente iniziativa di Tim e Ericcson, a quello promosso dall’università Ca’Foscari, ad esempio.

La redazioneIl Data Scientist è fondamentale per creare servizi come Atoka
odkup.jpg

Atoka aiuta l’Ente per il Turismo Sloveno in Italia a diventare 2.0

«Consideriamo Atoka uno strumento davvero utile per attuare le nostre politiche di attrazione di turisti italiani in Slovenia».
A dirlo è Gorazd Skrt, direttore dell’Ente per il Turismo Sloveno in Italia, dal suo ufficio ingombro di carte. Alle sue spalle, un quadro fotografico del fiume Soça (Isonzo, in italiano) con le sue acque color smeraldo.

Che la Slovenia sia uno dei paesi più verdi e incontaminati d’Europa non è certo una novità. Secondo l’Economist il 55% del suo territorio è protetto, un record mondiale.

La redazioneAtoka aiuta l’Ente per il Turismo Sloveno in Italia a diventare 2.0
cover-aquila-basket.jpg

I consigli del coach Buscaglia al bravo venditore

Maurizio Buscaglia, coach dell’Aquila Basket Trento, non ha certo lo stile duro e aggressivo di Tony D’Amato, l’allenatore di football di “Ogni maledetta domenica”. Però, come Tony D’Amato, ha carisma e leadership da vendere. Eletto miglior allenatore di serie A Beko nella stagione 2014 – 2015, sotto la sua guida Aquila Basket è passata dalla DNA (la terza categoria italiana) alla massima serie, classificandosi addirittura al 4° posto al termine della regular season e uscendo poi ai quarti di finale dei play-off scudetto contro i futuri campioni d’Italia del Banco di Sardegna Sassari.

La redazioneI consigli del coach Buscaglia al bravo venditore
women-in-the-global-labour-force-gender-gap-equality.jpg

Ridurre il gender gap nelle aziende facendo parlare i dati

Oggi è l’8 marzo, la festa della donna. Tra un mazzo di mimose e una scatola di cioccolatini, è bene ritagliarsi un po’ di tempo per riflettere su come siamo messi, in Italia e nel mondo, quanto a parità tra uomini e donne. Magari facendoci aiutare dai dati.

In un articolo pubblicato su Gli Stati Generali, Michele commenta un articolo di un ente di grande rilevanza, il World Economic Forum, dall’eloquente titolo “Which European countries have the biggest gender pay gaps“?

La redazioneRidurre il gender gap nelle aziende facendo parlare i dati
algoritmi-economy.jpg

Siamo già nell’economia dell’algoritmo

Gartner definisce Algorithm Economy il business condotto dai grandi player internazionali della Rete, come Google e Facebook: un business che ha un valore di estrema rilevanza costruito su una grande quantità di dati e sugli algoritmi che li gestiscono e li rendono fruibili.

Non è un caso che proprio verso la fine del 2015, diversi eventi in giro per l’Italia abbiano scelto di approfondire e discutere riguardo alla centralità degli algoritmi nelle nostre vite, oggi più che mai.

Matteo BrunatiSiamo già nell’economia dell’algoritmo
cover-rolleri-logo.jpg

Rolleri, azienda leader negli utensili per presse piegratrici, usa Atoka

Nel mondo del manifatturiero italiano in generale, e in quello della meccanica di precisione in particolare, Rolleri è un nome di prestigio. Una garanzia di assoluta qualità e affidabilità.
Dal 1987 questa ditta di Vigolzone, paese alle porte di Piacenza, produce utensili standard e speciali per presse piegatrici.

Realtà a conduzione familiare com’è tipico di tanta Italia produttiva, negli anni la Rolleri si è trasformata in uno dei maggiori produttori italiani di utensili per presse piegatrici.

La redazioneRolleri, azienda leader negli utensili per presse piegratrici, usa Atoka